This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.

Quanto incidono i denti sull'armonia del viso?

Da secoli pittori e studiosi si sforzano per esprimere il concetto del bello. In effetti si potrebbe dire che il bello è bello e basta, questo concetto però è troppo semplicistico e non differenzia il bello naturale dal bello convenzionale.

Cerchiamo di capire qual è il vero volto bello.
Secondo Leonardo la perfezione veniva rappresentata da un rapporto ottimale di forme, la Gioconda per esempio esprime uno splendore naturale pur con un minimo accenno di sorriso.
Questo concetto ci allontana dalla definizione moderna e di massa di bello. Noi abbiamo bisogno di sorrisi smaglianti e di belle arcate dentarie per poter esprimere il bello. È con l’avvento del cinema muto che il volto assume un ruolo fondamentale nella vita sociale. Si arriva così al sorriso seducente, accattivante ed importante nelle relazioni pubbliche. Non esiste attrice,fotomodella o politico che non cura il suo sorriso per la sua carriera. È normale quindi che nella cura del proprio volto diventa di primaria importanza la cura dei propri denti e della loro posizione nelle arcate dentarie.
Il dentista non è solo più terapeuta ma anche esteta, è quindi attento al colore, alla forma, alla posizione, alla prevenzione ed alla scelta dei materiali sempre più estetici. Le ricostruzioni proteiche saranno studiate in funzione delle caratteristiche del volto del paziente e si eliminerà ogni possibile interferenza all’estetica.
Come è facile intuire la costruzione di un bel sorriso è legata all’attenzione del dentista ed ovviamente alla cura che noi con l’igiene orale avremmo.