This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.

Laser

Esistono duetipi fondamentali di laser a seconda della tecnica d'uso e della intensità di energia impiegata : Morbidi e Duri.
I laser morbidi (elio-neon) non hanno effetti di taglio ed esplicano solamente un'azione terapeutica biostimolante favorente processi vitali e di guarigione con riduzione delle manifestazioni infiammatorie; quelli duri hanno effetti chirurgici di taglio sui tessuti molto vascolarizzati.
I principali laser impiegati in campo odontoiatrico sono:

  1. Laser ND-YAG efficace per la mordenzatura delle superfici e la desensibilizzazione delle superfici radicolari esposte;
  2. Laser ER-YAG per il taglio dello smalto e della dentina;
  3. Laser HO-YAG per la chirurgia maxillofacciale;
  4. Laser ad Argon per polimerizzare i compositi;
  5. Laser CO2 per la chirurgia dei tessuti molli.

Attualmente il maggior utilizzo del laser in odontoiatria è limitato nei confronti dei tessuti molli, mentre ancora sono riservati i risultati relativi all'impiego sui tessuti duri per la rimozione della carie e la desensibilizzazione nonché per il trattamento di pareti canalari, la mordenzatura dello smalto e la polimerizzazione dei materiali compositi.
Il maggior impiego è limitato alla chirurgia orale in particolare, è possibile praticare rimozioni di papillomi, lesioni precancerose, con un buon controllo del sanguinamento ed evitando la sutura.
Molto importante è poi considerare, vista la possibilità di controllare il sanguinamento, il vantaggio dell'uso del laser a CO2 nel trattamento di lesioni in pazienti con problemi di coagulazione.